Andrea Coalova

Artigiano – Tipografo

Tutti per uno

Bernezzo (Cuneo)

Contatti

+39 0171 918 118

info@messaggeriesubalpine.it

Via Giolitti, 79 - Dronero

Attività

www.messaggeriesubalpine.it

La tipografia Messaggerie Subalpine fondata dai sigg. Giacomo Coalova e Giovanni Lantermino inaugurano la loro attività nel 1906 in via Giolitti 79 a Dronero, dove ancora oggi risiede.

In più di 100 anni di attività molta carta è stata "sporcata", in particolare ci piace ricordare che nel 1911 Viene pubblicato il libro "L'Alta Valle Macra Guida Illustrata" corredato con numerose fotografie di Dronero e della valle, impreziosito dalle copie di alcune pubblicità di esercizi commerciali e strutture ricettive presenti a Dronero e in Valle Maira. Prezioso per il contenuto e per la veste grafica. E lo storico settimanale "il progresso di Dronero e della Valle Maira" –stampato nella tipografia – che scandiva la vita politica ed economica a partire dagli anni '20. Giornale democratico e antifascista, scritto e diretto da Lantermino coadiuvato da Cristoforo Coalova.

L'azienda supera gli anni della guerra dove il 2 gennaio 1944 viene data alle fiamme dai nazisti. Nel primo dopoguerra riprende faticosamente l'attività con Lino, Giovanni "Netu" Coalova e la moglie Milena Kadovic. Arriviamo poi negli anni '70 dove viene installata la prima rotativa per la produzione di moduli continui e modulistica per banche e assicurazioni. Cambiamento fortemente voluto dal figlio Giovanni coadiuvato dalla moglie Anita. A partire dal 2015 i figli Andrea e GIacomo dopo gli studi universitari prendono parte all'attività, proseguendo la tradizione di famiglia. Sviluppano nuovo lavoro cercando di diversificare la clientela, ampliando l'offerta dei prodotti. Oltre ai lavori tradizionali (depliant, lavori commerciali, cataloghi e piccole edizioni), che comunque ancora oggi costituiscono il cuore produttivo dell'azienda, creano stampati non convenzionali all'interno di un laboratorio denominato “In Tipo” adiacente ai locali della tipografia, nel quale sono stati recuperati antichi macchinari e storiche attrezzature (carattri mobili in piombo e legno per manifesti, cliché, xilografie...) con lo scopo di utilizzarli accostandoli alle moderne tipologie di stampa – digitale – offset, per conseguire, unitamente a forme di rilegature non convenzionali, un risultato originale, artigianale, unico.

L'obiettivo è "andare avanti guardando al nostro passato" ovvero realizzare prodotti di qualità sfruttando tutte le particolarità e unicità che il vecchio e il
nuovo ci offrono.